Giorno #7

Guido in città e non mi rendo conto di aver lasciato il nostro amico Antonio sul tetto a prendere aria. Gliene ho fatta prendere forse un po’ troppa, ma così tanta che ad una curva ha deciso di prendere il volo. Ciao Antonio, sei stato un odoroso compagno di viaggio. Ci diamo un po’ al classico turismo, ed andiamo a visitare la galleria d’arte dopo di che parcheggiamo in una via del centro, davanti ad un bar e ci mettiamo tranquille a fare uno dei nostri pranzi stradali, assemblando fette di pane, formaggio, pomodori e insalata. Diamo spettacolo! Le ragazze esprimono il desiderio di andare ad un market, io faccio d’autista ma le aspetto in macchina. Mi piace osservare il movimento della città da dentro un’auto: le persone non si rendono conto di essere osservate e sembrano più naturali. Il postino smista le lettere nelle cassette tenendo le buste tra le labbra. L’anziana signora sbadiglia solitaria, con un passo un po’ ondeggiante. Barcollo ma non mollo. Me la immagino che nella sua testa sta canticchiando qualcosa e dunque il suo ondeggiare è più una danza sudamericana. Mi immagino lei da giovane tra le braccia di un messicano, a ingurgitare shottini di tequila.

Recupero le ragazze. Passiamo il pomeriggio uggioso dentro ad un McDonald per scroccare il wifi e controllare se qualcuno ha risposto al nostro annuncio. C’era una strana energia nell’aria, tutte non sapevamo come comportarci tra noi, accusavamo il distacco di Janet. Addolciamo il tutto con il gelato da 1$. La giornata volge al termine. La nostra preoccupazione cresce: non abbiamo ancora trovato il prossimo compagno di viaggio. Se iniziamo subito così sarà un problema arrivare a completare la circonferenza dell’Australia con i pochi soldi che abbiamo. Imbastiamo l’ultima cena e poi ci infiliamo in campervan. Questo veicolo bianco, parcheggiato fuori dall’ostello, in un parcheggio gratuito fino alle 9 di mattina. Un marciapiede che diventa il nostro camerino all’aria aperta dove indossiamo il pigiamino con gli orsetti, che ci accompagna in questi sogni avventurosi. Buona notte Adelaide, noi domani partiamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *